HO, Bilancio 2002: Campagne svolte

Le "e-campagne" lanciate nel 2002




Mettiamo le nuove tecnologie al servizio dei cittadini perché la partecipazione sia più facile, comoda ed efficace




I. CAMPAGNE

1) "Ci sono alternative?"

Senza dubbio la campagna piú rilevante promossa da HazteOir.org è stata Ci sono alternative: una piattaforma di scienziati e di cittadini creata con l’obiettivo:
a) di promuovere l’investigazione scientifica e lo sviluppo delle terapie e degli interventi clinici che non implichino la distruzione di embrioni umani;
b) di informare l’opinione pubblica sulle nuove conquiste della medicina raggiunte mediante l’utilizzo delle cellule madri provenienti da tessuti adulti. Nel giugno del 2002 abbiamo rilasciato la pagina web: http://hayalternativas.com per informare l’opinione pubblica sugli sviluppi della campagna e tutte le notizie relazionate con la ricerca e gli esperimenti messi in atto utilizzando gli embrioni e le cellelule madri. La pagina inoltre ha promosso una raccolta di firme sul Manifesto di "ci sono alternative".
Nel mese di dicembre, più di mille esperti e ricercatori e 30.000 cittadini avevano firmato il nostro manifesto e inviato messaggi ai politici.
La campagna messa in moto attraverso Internet fu completata da azioni nel "mondo reale". Attraverso l’organizzazione di riunioni, la posta elettronica e le telefonate informammo i deputati ed i politici dei risultati della campagna. Abbiamo incontrato i consulenti del Presidente del Consiglio, il Capo del Gabinetto del Ministro di Scienza e Tecnologia il Capo del Gabinetto del Ministro della Sanità e tra gli altri deputati del PP, PSOE, e CiU.
Siamo stati costantemente presenti sui mass-media come è possibile vedere nella "sala stampa" della pagina web http://hayalternativas.com. Organizzammo due conferenze stampa e tavole rotonde sulle investigazioni con cellule madri adulte.
Articoli sulla nostra campagna sono apparsi sui quotidiani nazionali: ABC, El Mundo, El Pais, la Razòn, la Vanguardia, Diario Medico, la Gaceta de los Negocios, e su moltissimi quotidiani regionali. Siamo stati intervistati da Onda Cero, la COPE, Cadena Ser, Radio Intereconomia, Antena 3 e Televisiòn Española tra le altre catene di radio e televisione.
Abbiamo promosso la creazione di un Comitato Scientifico di Consulenti di "Ci sono alternative", con notissimi rappresentanti provenienti dal mondo della ricerca scientifica e del diritto.

 

2. Famiglia

Volemmo che la prima campagna lanciata da HazteOir.org fosse indirizzata al potere pubblico perchè desse un appoggio piu deciso alla famiglia. Con l’obiettivo di poter influire piú efficacemente, abbiamo costituito un gruppo di studio interdisciplinare e ci siamo rivolti per e-mail alla "Federaziione delle Famiglie Numerose" Una settimana dopo eravamo a pranzo con il Presidente.

Nel gennaio del 2002 consegnammo al PP ed al PSOE un documento con le nostre proposte di politica familiare. Il PSOE presentò in febbraio il suo piano di appoggio alle famiglie, nel quale erano incluse, quasi letteralmente, alcune delle misure di HazteOir.org. Il PP, ha preso in considerazione il nostro documento, nell’elaborazione del capitolo dedicato alla politica familiare del suo programma per le elezioni del marzo 2003.

Abbiamo ottenuto riunioni e pranzi di lavoro con i rappresentatnti del PP (Eugenio Nasarre, Julio Sanchez-Fierro) del PSOE (Jesus Caldera, Consuelo Rumi) per dialogare sulla politica familiare e presentare le nostre proposte agli attori politici con potere decisionale.

Il seguente schema, presenta lo sviluppo della politica familiare in Spagna ed il ruolo giocato da HazteOir.org.

02/01 Prima campagna di HazteOir per domandare un maggior appoggio alla famiglia.
10/01 Zapatero PSOE introduce l’appoggio alla famiglia nel dibattito sullo stato della Nazione.
11/01 Piano integrale di appoggio alla Famiglia.
01/02 Documento Proposta sulle misure da adottare in Politica Familiare (IP/HO). 02/02 Documento "Politiche per il benessere della famiglia" (PSOE).
10/02 Nuovo documento del (IP/HO) in vista dei programmi elettorali.
12/02 Piattaforma elettorale del PP e del PSOE

 

Altre azioni in difesa della famiglia

  1. Abbiamo partecipato alla fondazione ed al Consiglio Direttivo della Piattaforma per la Promozione della Famiglia di Madrid (PROFAM), coordinando la sezione elettronica della campagna sulla Legge di Protezione della Famiglia.
  2. Facciamo parte e partecipiamo attivamente al Comitato Direttivo del Foro Spagnolo della Famiglia, la prima confederazione di associazioni familiari della Spagna.
  3. Abbiamo partecipato con uno stand informativo al III Congresso Nazionale delle Famiglie Numerose.

 

  1. Altre campagne, descrizione di alcuni tra i successi
    1. Abbiamo salvato la vita di Ayub e di Safiya. ‘Oggi sono felice. Ne ringrazio Dio’, ha detto Safiya Hussaini uscendo dal tribunale islamico di Sokoto (Nigeria) dopo la sentenza in cui era stata rifiutata la condanna a morte per lapidazione prevista nei casi di adulterio. Il ricorso presentato da Safiya e la campagna di alcune ONG tra le quali, hanno partecipato HazteOir e Amnisty Internacional, hanno permesso l’assoluzione della donna.
    2. Alcuni eurodeputati hanno deciso di cambiare il loro voto ed appoggiare la fine del monopolio della Lobby Europea delle donne. Il nostro corrispondente da Bruxell ci informa che: per la prima volta nella storia, una parte del bilancio preventivo della UE approvato dal Parlamento Europeo è stato destinato a sovvenzionare organizzazioni di donne non appartenenti alla "Lobby Europea delle donne", organizzazione controllata dalle femministe radicali.
    3. Appoggiati dalla piattaforma di Ci sono Alternative, Aznar e il PP si sono pronunciati contro la clonazione umana. La Spagna difende la condanna della comunità internazionale che all’ONU si è pronunziata contro la qualsiasi tipo di clonazione. Il Ministro della Sanità si é pronunciata sull’investigazione con cellule madri embrioinarie assicurando che: "esistono sufficienti giustificazioni di tipo scientifico, giuridico ed etico" per evitare in questo momento questo tipo di esperimenti.
    4. VI Programma Quadro. Una volta adottato il VI Programma Quadro (2002-2006) di Ricerca scientifica per l’Unione Europea, definite le sue aree prioritarie e le rispettive dotazioni economiche, i paesi membri approvarono una proroga per la decisione sul finanziamento delle linee di ricerca che utilizzano cellule madri embrionarie umane. Articolo comparso nel "El Mundo" del 26/6/02.
    5. Rapporto Van Lancker. Il Parlamento Europeo votò in favore della legalizzazione dell’aborto in tutta la UE e nei paesi candidati all’adesione, nonostante il voto contrario dei rappresentanti del Partito Popolare Europeo. El Pais sottolineó la pressione esercitata dalle organizzazioni dei cittadini spagnoli, menzionata anche dagli eurodeputati: Maria Antonia Aviles, Iñigo Mendez de Vigo e Elena Valenciano (la valanga di e-mail inviati dagli utenti di HazteOir.org).
    6. Segretariato per i giovani. HazteOir canalizza la protesta sociale per denunziare la manipolazione ed il settarismo del Segretariato per i giovani della Comunità di Madrid. Il presidente della Comunità di Madrid Ruiz-Gallardon, dopo aver ricevuto una valanga di e-mail, propone di cambiare la legge che regola l’operato del Segretariato.
    7. Campagna di informazione internazionale sulla realtà di ETA e Batasuna. Il 26 di agosto il prestigioso quotidiano inglese Financial Times pubblicò un editoriale contro la illegalizzazione di Batasuna confondendo completamente i termini della questione. La posizione del Financial Times è un esempio della disinformazione esistente in Inghilterra e negli Stati Uniti. Migliaia di cittadini scrivono attraverso HazteOir.org lettere alle piú prestigiose pubblicazioni anglosassoni.
    8. Il Governo, il PP ed il PSOE applicano la Legge sui Partiti ed il processo per dichirare la illegalità di Batasuna considerato il baraccio politico di ETA. Sono dovuti trascorrere venti anni di insulti alle vittime, di silenzi complici, di coperture per gli assassini, affichè i partiti politici si decidano ad iniziare un processo imprescindibile per fermare il braccio politico di ETA. I cittadini hanno inviato migliaia di e-mail di ringraziamento politici per questa misura necessaria al risanamento della democrazia.
    9. Il presidente della Comunità di Madrid, Alberto Ruiz-Gallardon, dopo aver ricevuto un documento con 75.000 firme, decide di mettere da parte la cosidetta Legge per la Famiglia che doveva essere approvata dall’Assemblea in questa legislatura. L’equiparazione della famiglia alle coppie di omosessuali è stato il detonatore che ha provocato il rifiuto e la conseguente mobilitazione della società civile. Grazie a tutti quelli che parteciparono alla campagna coordinata a da PROFAM e HazteOir.org, ha prevalso la voce dei cittadini.
    10. Il Presidente del Tribunale dei minori, Pedro Nuñez Morgades informato da HazteOir.org dell’opinione dei cittadini di Madrid non ha osato distribuire nelle scuole la guida didattica, sull’omosessualità, già editata ed elaborata da COGAM (Collettivo di Lesbiche, Gay, Transessuali e Bisessuali di Madrid).
    11. Josè Bono ha cambiato opinione? L’ABC del 28 ottobre nell’edizione di Toledo, affermava que il PSOE di Castilla La Mancha prevedeva di approvare l’adozione da parte di coppie di omosessuali, HazteOir lanciò una campagna. La risposta del Presidente de La Mancha fu esplicita: "non prevedo di legiferare sull’adozione da parte di coppie omossessuali". HazteOir ringrazia Bono per il chiarimento.
    12. Consuelo Rumi, segretaria del PSOE per la commissione degli Affari Sociali, dichiara di essere impressionata dal numero di e-mail inviati dai cittadini attraverso HazteOir.org a Rodriguez-Zapatero.
    13. Congratulazioni rivolte alla Conferenza Episcopale per la Lettera Pastorale sul terrorismo. Molti vescovi stupiti per l’alluvione di e-mail, si rivolsero alla Conferenza Episcopale per domandare di cosa si trattava.








Copyright © by Fatti Sentire! Tutti i diritti riservati.
Pubblicato il: 17.03.2004 (2004 letture)