Omofobia: la Camera affossa il "testo Concia"

L’Aula della Camera ha "affossato" il testo Concia sull’omofobia. L’Assemblea di Montecitorio ha infatti approvato la questione pregiudiziale di costituzionalità avanzata dall’Udc anche con i voti del Pdl e della Lega. Pd e Idv hanno votato contro. La questione pregiudiziale dell’Udc è stata approvata con 285 voti a favore, 222 contrari e 13 astensioni…
Argomento: Dal mondo

La Città dell’amore di Mangalore dove gli anziani sconfiggono l’eutanasia

Sfido chiunque a dire che i nostri anziani sono un peso. La loro esistenza è piena di significato, sono persone vive che ci comunicano una gioia profonda”. Suor Auxilia lavora alla Premnagar, la Città dell’amore, una casa di accoglienza per anziani poveri a Bajjodi, nei pressi di Mangalore, nel Karantaka. Dice ad AsiaNews: “L’eutanasia è il più grande diavolo nel mondo. I nostri anziani sono un grande tesoro, la loro esperienza di vita è una ricchezza per la società e per tutti noi; gli anziani sono una benedizione”.

Argomento: Vita: altri temi

Altro che uguaglianza, gli omosessuali saranno "più uguali"


Oggi alla Camera si discute se introdurre il reato di omofobia. La proposta, già bollita nella scorsa legislatura, torna in auge per volere del gruppo parlamentare del Pd e con il tacito consenso di non pochi della maggioranza di governo. Venerdì scorso, senza smentita dai ministeri competenti, il presidente dell’Arcigay festeggiava gli accordi con Carfagna e Gelmini per introdurre l’aggravante per la discriminazione di orientamento sessuale e le informazioni scolastiche sul gender. Il sesso maschile e femminile, secondo questa ideologia irreale, non dipende dalla natura ma dalla scelta che ciascuno può (deve) fare liberamente e senza discriminazioni. Così forse, dovremo insegnare ai nostri figli, nelle scuole, che essi possono scegliere liberamente il loro orientamento sessuale, cioè il loro sesso? Con l’introduzione nell’ordinamento della modifica del codice penale, l’inserimento della circostanza aggravante inerente all’orientamento e alla discriminazione sessuale, si potrebbero verificare alcune incredibili situazioni...

SINDONE. La copia degli scienziati del Cicap è un falso. Ecco le prove

In riferimento all’articolo del 5/10/2009 de La Repubblica, “Sindone – è un falso medievale. Ecco la prova” c’è da stupirsi per le affermazioni prive di rigore scientifico ivi riportate. Ogni tanto qualche persona in cerca di notorietà ottiene spazio nei media dichiarando di avere riprodotto la Sindone o una parte di essa, ma quando si approfondisce il discorso “casca il palco”…

 

Stop al burqa, non si gira mascherati


In queste ore di grande attesa per il verdetto sul lodo Alfano, si è parlato, ma non troppo, della proposta parlamentare della Lega di rendere, senza equivoci, fuorilegge il burqa e quegli strani indumenti (islamici) che rendono irriconoscibile il volto di una persona. A scanso di equivoci, il burqa non ha nulla a che vedere con il velo o con i copricapi della suore: con il velo e con quei copricapi si è riconoscibili, col burqa no.
Argomento: I diversi islam

Le conseguenze del cosiddetto “reato di omofobia”

Martedì 6 ottobre inizierà in Commissione Giustizia alla Camera dei Deputati la discussione sul testo base della legge che vuole stabilire il reato di omofobia. La proposta, presentata dal Partito Democratico, a prima firma Paola Concia, prevede l’inserimento nel Codice Penale di «reati commessi per finalità di discriminazione o di odio fondati sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere». La discussione alla Camera è prevista per il prossimo 12 ottobre. Se il reato contro l’omofobia, che l’allora premier D’Alema tentò invano di imporre nel novembre 1999, fosse varato dal governo di centro-destra, sarebbe uno scandalo e un’occasione di profonda riflessione per l’elettorato cattolico, continuamente tradito dai propri rappresentanti in nome dell’aberrante principio del “politicamente corretto”.

di Roberto de Mattei


L'ipocrisia e le bugie sulla pillola abortiva


Ho scritto più volte della pillola abortiva, la famigerata Ru486 che sta per essere commercializzata in Italia. Già in partenza sbaglio: mi sto adeguando con le poche righe che ho scritto all'ipocrisia comune di quando si parla di questo argomento. In realtà la pillola abortiva è già utilizzata, e da anni, in Italia, con degli stratagemmi da alcune regioni, in particolare quelle più rosse. La capolista, non a caso, è l'Emilia Romagna. Migliaia di donne hanno abortito con questo cocktail di pillole, molte volte l'espulsione del feto è avvenuto in casa, in perfetta solitudine, in alcuni casi ci sono state conseguenze fisiche antipatiche, quasi sempre ci sono conseguenze psicologiche devastanti.

Mons. Dac Trong, la lotta della Chiesa vietnamita sotto il comunismo



La diocesi di Hanoi pubblica le memorie del vescovo ausiliare scomparso il 7 settembre scorso. “Storia di un era” narra, in forma di diario, la vita della Chiesa nel Paese dall’avvento del comunismo sino ai giorni nostri. Dalle vicende degli anni ’50 ad oggi racconta le sofferenze di vescovi, sacerdoti e laici ed offre elementi utili per capire i l’ attualità del cristianesimo in Vietnam...
Argomento: Socialismo

RUINISMI SPAGNOLI

di Paolo Rodari

La campagna autunnale della Conferenza episcopale spagnola inizierà sabato 17 ottobre a Madrid con una manifestazione di piazza – gli organizzatori promettono sarà “oceanica” – contro l’ultimo disegno di legge approvato dal governo Zapatero e che concede, anche alle minorenni fra i 16 e i 18 anni, di abortire senza il consenso dei genitori.

E’ il modello italiano del Family Day che viene adottato in Spagna, nel senso che, questa volta, a metterci la faccia non sarà direttamente la gerarchia, quanto le associazioni del laicato cattolico di base: movimenti ecclesiali e associazionismo.

Il tutto, certo, con la benedizione dei vescovi i quali, tuttavia, rimangono ufficialmente un passo indietro.
Lo scopo è duplice: fare leva sulle convinzioni pro vita del popolo – i vescovi ritengano sia il sentire della maggioranza – e, insieme, sostenere i cattolici che lavorano nel campo medico e farmaceutico attraverso un’obiezione di coscienza “di categoria” e non, dunque, meramente “personale”.

Il parallelismo col modello italiano portato avanti fino al 2007 dal cardinale Camillo Ruini è evidente: la base lotta per non retrocedere su quei temi e princìpi che, appena eletto, Benedetto XVI definì “non negoziabili” e la lotta, seppure di popolo, è sostenuta, da dietro le quinte, dalle gerarchie.

Argomento: Dal mondo

Gli stati vegetativi? Il medico 4 volte su 10 si sbaglia


Si parla sempre (e spesso a sproposito) delle persone in stato vegetativo. Nei giornali e in televisione si scrivono e si sentono delle autentiche castronerie: stato vegetativo viene usato come sinonimo di coma, a stato vegetativo si accosta molto volentieri il termine 'permanente' che invece non può esistere per la scienza e non perchè lo dico io, ma perchè non lo sanno neppure i luminari. Poi la terza carica dello Stato (Gianfranco Fini, presidente della Camera) è arrivato a dire che una persona in stato vegetativo ha l'elettroencefalogramma piatto e allora verrebbe voglia di arrendersi.

Argomento: Vita: altri temi
SANREMO: FRATE AGGREDITO AL GRIDO DI 'ALLAH E' GRANDE' IL RELIGIOSO RISCHIA DI PERDERE L'USO DI UN OCCHIO Genova, 27 set. (Adnkronos) - Al grido di 'Allah e' grande', un extracomunitario, probabilmente nordafricano, ha massacrato un frate cappuccino a colpi di bottiglia, infierendo sull'uomo con calci e pugni anche quando era ormai a terra. Ora il frate di Sanremo, padre Riccardo, 76 anni, rischia di perdere l'uso di un occhio. A riportare la notizia e' il ''Secolo XIX''. La brutale aggressione e' stata compiuta ieri mattina, intorno alle 7, in un vicolo che da via Corradi porta in vicolo dei Cappuccini, dove si trova la chiesa di padre Riccardo. L'anziano frate era da solo. All'improvviso, ricostruisce il quotidiano, mentre stava percorrendo il vicolo, si e' trovato davanti un uomo, con una bottiglia in mano. Questi, dopo essersi fatto frettolosamente il segno della croce, quasi a voler schernire il frate, ha pronunciato la frase ''Allah e' grande'', l'omaggio piu' comune dei musulmani a Dio, e ha sferrato una bottigliata sulla testa di padre Riccardo. Una botta terribile, che ha provocato un profondo taglio sulla fronte e sopra l'occhio del religioso che, stordito, e' crollato a terra in un lago di sangue. Il suo aggressore, pero', non si e' fermato. Dopo aver inferto almeno altre due bottigliate alla testa dell'anziano, l'extracomunitario ha cominciato a colpirlo con calci e pugni. Poi si e' girato ed e' scappato. Le grida del frate hanno richiamato l'attenzione di alcuni passanti, che sono intervenuti in suo soccorso. A loro, padre Riccardo e' riuscito a dire solo che l'aggressore era un musulmano, sicuramente facendo riferimento alla frase ''Allah e' grande'' - detta comunque in italiano - che ha preceduto il pestaggio. Quanto al segno della croce, e' probabile, basandosi sull'impressione avuta dal frate, che sia stato fatto in segno di disprezzo. (segue)
Argomento: I diversi islam

Card. Zen: Per i 60 anni della Cina, liberate tutti i vescovi in prigione


La proposta del porporato pubblicata sul sito web della diocesi di Hong Kong. Il card. Zen apprezza le parole di Hu Jintao su promuovere democrazia e solidarietà e spinge il governo cinese a sedersi al tavolo delle trattative con la Santa Sede.

Argomento: Socialismo

L'Irlanda salverà l'Europa
dai mandarini di Bruxelles (ancora una volta)

Fra pochi giorni, l’Irlanda terrà il destino dell’Europa nelle proprie mani, almeno per un momento. Il prossimo 2 ottobre, infatti, gli irlandesi saranno di nuovo chiamati a votare sul Trattato di Lisbona, 15 mesi dopo la sonora vittoria del NO allo stesso Trattato, che non è stato mutato di una virgola. Il Wall Street Journal ha intervistato Declan Ganley, uno dei fautori della campagna del No dello scorso referendum, tornato nuovamente in azione per difendere un’Europa incentrata, non sulle elite dei burocrati, ma su ‘Noi cittadini’…
Argomento: Parlamento europeo

Festeggiare l'unità d'Italia
riconoscendo l'invasione militare delle due sicilie



Fede & Cultura ha pubblicato il libro “Due Sicilie 1860 - L'invasione”, di don Bruno Lima, storia della violenza anticattolica dei massoni piemontesi che hanno invaso il sud Italia…
Tempi 2 settembre 2009

di Aldo Trento

«Un errore è una verità impazzita» diceva Chesterton. Ed è esattamente questo ciò che è accaduto col socialismo del ventunesimo secolo. Ma qual è la verità che è impazzita, e che sta all’origine e alla fine del ben noto “asse del male” che unisce Castro, Chávez, Correa, Morales e Lugo?


La risposta non è rintracciabile nelle parole di questi personaggi, nelle loro utopie e nelle astrazioni in cui vivono, ma piuttosto nella premessa antropologica che sta alla base dell’ideologia che si propongono di incarnare. Bisogna chiedersi: che cos’è l’uomo, per questi signori?
Argomento: Dal mondo
Gnosis Rivista italiana di intelligence n. 2-2009

Dall'influenza economica al rischio jihad

Rilievo economico e rilievo strategico del fenomeno immigrazione. Un'analisi e, al contempo, un avvertimento da tenere presente nell'esaminare come i flussi di popolazione possano essere elementi essenziali di una strategia indiretta a carattere economico e geopolitico. È un'ottica, questa, sicuramente originale per guardare ad un tema sul quale è già stato detto di tutto e di più.

di Marco Giaconi

La vita è un po’ cara


Newsweek mette la spina (staccata) della nonna in copertina e rilancia l’eutanasia nel dibattito sulla sanità

L’assassinio della nonna è un punto della riforma sanitaria americana che le parti rifiutano di discutere. Repubblicani e democratici stanno usando stili diversi per intorbidire il problema ineludibile del fine vita: i primi urlano, i secondi glissano. Durante l’estate una parte del mondo conservatore ha lanciato anatemi incandescenti su una presunta e implicita deriva della riforma sanitaria di Barack Obama verso l’eutanasia.

Argomento: Vita: altri temi

Sorpresa: la pena di morte piace a Bruxelles

Un autentico minestrone di codicilli, nel quale norme in antitesi tra loro convivono in un gaudioso “acciaccapesta” giuridico….

Sale di grado Ye Xiaowen,
mastino del partito verso il Vaticano e le religioni

È divenuto segretario del partito all’Istituto centrale per il socialismo con il rango di ministro. Sotto la sua direzione, l’Ufficio affari religiosi ha perseguitato le comunità cristiane sotterranee, i tibetani, il Falun Gong. Voleva che Benedetto XVI non pubblicasse la Lettera ai cattolici cinesi e ne ha bloccato la diffusione in Cina. Lo sostituisce Wang Zuoan, con la stessa impostazione ideologica…

di p. Bernardo Cervellera

Argomento: Socialismo

Hina e le altre ragazze
uccise in nome della sharia



Avevano appena iniziato a vivere, i familiari le hanno uccise. Hina Saleem venne sgozzata e sepolta nell’orto di casa, presso Brescia. Con la testa rivolta verso la Mecca e il corpo avvolto in un sudario. Hina aveva rifiutato un matrimonio forzato voluto dal padre. L’altroieri, a Pordenone, Sanaa Dafani è stata accoltellata a morte dal padre in un bosco, mentre era in compagnia del fidanzato, un italiano. Una relazione bandita dai suoi genitori di origini marocchine. Non si sa nemmeno quanti siano esattamente i delitti d’onore in Europa. In gergo islamico si chiama “Jarimat al Sharaf”. Spesso queste esecuzioni religiose vengono derubricate sotto la voce “violenza domestica”.

Argomento: I diversi islam
di Massimo Pandolfi

L'altro giorno monsignor Rino Fisichella, uno dei supervescovi italiani, ha detto: 'Dall'embrione nasce un uomo o una donna, non nasce un'aquila o un maialino. L'embrione non è un po' di muffa, non è un insieme di cellule amorfe: è una cellula umana che diventerà un feto e poi un bambino'.
Argomento:

Lo scandalo dei farmaci contraffatti per i Paesi poveri

La denuncia dell'arcivescovo Zimowski al congresso internazionale dei farmacisti cattolici. "La contraffazione e la falsificazione dei farmaci - ha detto nel suo intervento - colpisce innanzitutto i soggetti in età pediatrica. Falsi antibiotici e falsi vaccini producono gravi ripercussioni negative sulla loro salute”…

JanSobieski Segnala "

Alla scoperta della lobby "ricca e lagnosa"

L'omosessualismo avanza silenziosamente grazie al politicamente corretto dilagante, ai finanziamenti colossali delle corporations e a appoggi insospettabili... 

 

"
http://www.iltimone.org/  “Identità di genere”, di Roberto Marchesini Studi Cattolici n. 581-82 luglio/agosto 2009
 

 di Roberto Marchesini

 
La terapia riparativa è, per sé, dannosa?

È quello che sostengono le associazioni gay (1), ripetendolo come se fosse un fatto, una verità assodata e incontrovertibile, al punto da non ritenere necessario fornire elementi che possano fornire un sostegno o una verifica di tale affermazione.


Dovrebbe essere semplicissimo trovare testimonianze o studi scientifici che dimostrino, senza lasciare spiragli al dubbio, che la terapia cosiddetta riparativa provoca per sé, direttamente, dei danni a chi liberamente vi si sottopone. Purtroppo non è così facile trovare materiale e riferimenti per vagliare questa tesi. Tanto che. quando su You Tube (2) è comparso un filmato (3) nel quale un ex paziente del dottor Joseph Nicolosi (4) racconta la sua esperienza di fallimento della terapia riparativa. ha suscitato notevole clamore. Se questa è la norma, perché tanto entusiasmo?
dal blog di Massimo Pandolfi, capo-redattore de Il Resto del Carlino

Oggi parliamo di questo blog, perchè è successo un fatto che è giusto venga raccontato a voi tutti (e siete migliaia) che mi state seguendo da un anno e mezzo. Qualche giorno fa i carabinieri sono andati a bussare alla porta di uno di voi, cioè di un amico che spesso e volentieri interviene sul blog.
Argomento:
J.B. An Dang
Le parole di Benedetto XVI ai vescovi vietnamiti usate per criticare i vescovi, i sacerdoti e i fedeli che hanno affondato la Chiesa nella “corruzione spirituale”. Accuse anche a sacerdoti che “pianificavano” un rovesciamento del regime. Arresti di blogger e dissidenti.
Argomento: Socialismo
INDIA: Orissa, assolta per mancanza di prove una delle menti del pogrom anti-cristiano
 
Nirmala Carvalho
Cade l’accusa di incendio doloso a carico di Manoj Pradhan, in uno dei 14 capi di imputazione a suo carico. Esponente del Bjp ed eletto nell’Assemblea legislativa dell’Orissa, egli avrebbe ucciso 7 cristiani. Attivisti denunciano l’inerzia dell’amministrazione nel punire i responsabili dei crimini. 
Argomento: Libertà religiosa
Le forze dell'ordine lanciano gas lacrimogeni per sciogliere una protesta pacifica contro l'inquinamento di una raffineria. Esplodono gli scontri, con decine di feriti. Le autorità dicono che l’impianto è in regola, ma i residenti lamentano un’alta percentuale di malati di cancro.
Argomento: Socialismo

Educazione sessuale a 5 anni, la nuova frontiera dell'ONU 

L'UNFPA ha promosso una conferenza a Berlino, in collaborazione con il governo tedesco, per istruire 400 attivisti sul come fare pressione su diversi paesi affinché finanzino e forniscano programmi sessuali, oltre all'aborto…

Islamabad (Agenzia Fides) – I cristiani in Pakistan si mobilitano contro la controversa legge sulla blasfemia: la Commissione “Giustizia e Pace”, in seno alla Conferenza Episcopale del Pakistan, ha infatti indetto una petizione popolare, raccogliendo firme da presentare al governo per chiedere l’abolizione della legge. Si tratta, nel dettaglio, degli articoli 295, commi b), c) e 298 commi a), b), c) del Codice Penale pakistano, che determinano i provvedimenti sulla blasfemia utilizzati spesso per colpire le minoranze religiose come cristiani e ahmadi.
Argomento: I diversi islam